La Nato a Lisbona e i misteri del Gruppo Bilderberg

A Lisbona la NATO discute, da oggi, del Nuovo Concetto Strategico dell’Alleanza: una sorta di  complessa “riscrittura” dei rapporti di forza  geopolitici tra UE, USA e Russia, con la difficile ambizione di puntare ad inglobare Putin e Medvedev  in un unico sistema di Difesa, mentre… l’Alleanza si insabbia nei deserti afgani. Mi sembra un accademico e retorico convegno di buoni propositi! Dopo  l’11 Settembre, e soprattutto dopo l’89, sembrerebbe utile una “banale” e santa alleanza contro il terrorismo, fingendo di mettere sotto il tappeto la polvere di tanti virulenti conflitti aperti in tutti gli scacchieri del mondo (in Africa, come nei dintorni complessi dell’India e della Cina). Mai il mondo è stato così turbolento, e sempre più vicino a quello Scontro tra le Civiltà, di cui tutti scongiuravamo le infauste profezie. E per di più le tensioni geopolitiche  di oggi sono “scopertamente” serissime questioni economiche, minerarie e di potere che si sommano ai fantasmi del passato. Per fare un solo semplice esempio: come può la Russia gravitare verso la NATO proprio mentre nuove testate nucleari NATO vengono installate  in Georgia  e Ucraina? Come può la NATO guardare  con “serenità” agli affari militari dei Russi con l’Iran (per quanto le forniture dei missili  a Teheran siano – per adesso -  leggermente  “ritardate”…)?

Grande è la confusione sotto il cielo! ma diversamente da Mao Tze Tung non c’è da stare tanto allegri. La sicurezza è un affare militare e civile sempre più grande. Nonostante la crisi finanziaria globale che riduce le spese in Difesa, potete star certi che questo mercato sarà l’unico a crescere. E’ la pura cinica verità! A tal proposito mi ha davvero divertito un articolo di Maurzio Blondet (un esperto del settore Affari Strategici, molto letto in Italia) che forse ci azzecca un po’, e con ragione, a mio avviso, quando vede nei misteriosi 12 saggi della NATO (guidati dalla Madeleine Albright, ex Segretario di Stato di Clinton) una specie di “longa manus” del Gruppo Bilderberg o della Trilateral di Kissinger.. Hanno lavorato seriamente a ispirare questo nuovo Concetto Strategico che dovrebbe sorgere a Lisbona.

Non credo troppo alle fantasie “supermassoniche”  sul Bilderberg o sulla Trilateral, che forse hanno la stessa consistenza di un meeting a Davos o a Villa Cernobbio, ma certo è ben strana la composizione dei 12 saggi NATO. Questi saggi  mi sembrano    tutti interessati più ai fondamentali economici del mercato  che non  ai proclamati buoni valori dell’Alleanza… Vedremo

Questa voce è stata pubblicata in innovazione e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.