Mitigazione dell’evoluzione darwiniana: speriamo in Distretti Tecnologici al Sud un pò cooperativi!


L’Unione fa la Forza?
Penso proprio di sì. Ed ho scelto questo semplice esempio del grande divulgatore Roberto Natalini, cui si deve un’infaticabile  e tenace opera di promozione della matematica  (http://maddmaths.simai.eu ) -  in questo paese poco avvezzo ai numeri e alla logica -, per darne una dimostrazione quasi “biologica”/matematica.

Il dilemma del prigioniero e la teoria dei giochi esplicano la propria forza cooperativa e informativa, a contrasto delle più semplici  leggi dell’evoluzione (che ci insegnano la prevalenza in natura del “più adatto”).

Prendo a prestito da Roberto Natalini il concetto, per fare una piccola provocazione nel settore dell’Innovazione. Ma è mai possibile che gli istinti predatori delle aziende più forti in Italia (nel campo della R&S) debbano per forza significare la prepotenza e l’esclusione dei più deboli (delle PMI), fino alla loro programmata estinzione? E’ mai possibile che nel Sud, alle prese con i nuovi Distretti Tecnologici ed una volta tanto (per fortuna e grazia ricevuta…) con un bel pò di quattrini da spendere (? o meglio investire!), si debba assistere alla corsa dei soli interessi forti, all’accaparramento dei fondi  per i soliti noti, senza che una regia pubblica regionale (nell’nnovazione) si faccia degnamente sentire? E tutto  ciò, poi,  dopo le ignobili prove di sè, o quanto meno autoreferenziali, che il sistema tecnologico-industriale ha dato di sè…? (penso all’ambiente devastato della Campania..e non solo).

Non è detto che tali interessi “forti” prevalgano, bisognerà spuntare le unghie dei predatori..Io ci provo, con la convinzione che questo darwinismo economico-sociale che si sta perfino tentando di gustificare (all’insegna della ricerca delle “masse critiche”), sia un pericolo di oggettivo e irreversibile declino ( alla fine anche per i dinosauri!!!!).

Avevo già visto le complicazioni del bando PON per tempo; dopo, in queste settimane, ho visto anche di peggio…Si agitano, spesso per fortuna  a vuoto,  alcuni Custodi gelosi di strapuntini  “consortili” e tanti politici frastornati, alla ricerca del “santo” Graal dell’Innovazione. C’è sempre la speranza, e per fortuna il tempo, fino al 20 marzo, di far ragionare   alcune industrie locali e svegliare l’attenzione dei buocrati regionali….

Questa voce è stata pubblicata in innovazione e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.